Stemma del Comune di Capoterra Comune di Capoterra
pagina Facebook pagina Twitter pagina Youtube pagina Google+
foto01.jpg

Disciplinare per la celebrazione dei matrimoni civili

 

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 5 del 21/01/2015


 


 

 

 

 

 

Articolo 1
OGGETTO

1. La celebrazione del matrimonio civile è funzione istituzionale garantita ai cittadini in conformità
alle disposizioni del Codice Civile e del Regolamento di Stato civile.
2. Il presente regolamento disciplina la celebrazione dei matrimoni civili nel Comune di Capoterra


Articolo 2
PUBBLICAZIONI

1. La celebrazione del matrimonio è subordinata all'assolvimento degli adempimenti previsti dalla
legge e dai regolamenti.
2. I nubendi che, dovendo adempiere all'obbligo delle pubblicazioni di matrimonio ai sensi degli
artt. 93 e seguenti del Codice Civile, intendano procedere alle pubblicazioni nel Comune di
Capoterra  potranno fissare l'appuntamento con l'ufficiale di Stato Civile .


Articolo 3
LUOGHI DI CELEBRAZIONE

I matrimoni civili vengono celebrati presso il Palazzo Civico di via Cagliari n°91.


Articolo 4
GIORNI E ORARI
I matrimoni civili sono celebrati, in via ordinaria, all’interno dell’orario di servizio del personale
addetto all’Ufficio di Stato Civile dal lunedì al venerdì di mattina  e il martedì e  giovedì nel  pomeriggio.
1. I matrimoni vengono celebrati  anche il sabato negli orari definiti con provvedimento del Sindaco, compatibilmente sia con le esigenze di natura organizzativa e di razionalizzazione dei costi di gestione del Palazzo che della disponibilità della sede  comunale .
Per particolari esigenze, salvo impedimenti di natura organizzativa, il Sindaco può autorizzare la
celebrazione dei matrimoni al di fuori dei giorni previsti nel presente disciplinare; la domanda
dovrà pervenire almeno 10 giorni prima della data di celebrazione.
2. I matrimoni non possono essere celebrati nei giorni:
• 1 ,6 e 15 gennaio
• il sabato precedente la Pasqua, il giorno di Pasqua ed il lunedì seguente
• 25 aprile
• 1 maggio
• 2 giugno
• 15 agosto
• 1 novembre
• 8 – 24 – 25 – 26 – 31 dicembre
La celebrazione dei matrimoni è inoltre sospesa il venerdì ed il sabato antecedente alle consultazioni elettorali, nonché il lunedì successivo.


Articolo 5
ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO

1. Competente all'organizzazione dei matrimoni è l'ufficio di Stato Civile.
2. Espletata la procedura delle pubblicazioni, i nubendi potranno prenotare la sala presso il competente ufficio di Stato Civile .
3. Ai nubendi, accompagnati dal personale addetto, previo appuntamento, è consentito visitare la
sala per la celebrazione e per predisporre eventuali addobbi.
4. Celebrante è il Sindaco o un suo delegato.
5. Almeno 10 giorni prima della data del matrimonio i nubendi devono consegnare all'ufficio di
Stato Civile o trasmettere con posta elettronica le copie fotostatiche dei documenti di identità dei
testimoni e, nel caso in cui sia necessario ricorrere ad un interprete durante la celebrazione, anche la
copia fotostatica del documento di identità del medesimo.
6. L’orario della cerimonia non ammette ritardi. I testimoni devono presentarsi almeno cinque
minuti prima della cerimonia per la verifica dei documenti e dei dati anagrafici; l’interprete almeno
dieci minuti prima della cerimonia per espletare le formalità di rito.
7. In caso di impedimento alla celebrazione del matrimonio i nubendi dovranno avvertire
tempestivamente l'ufficio di Stato Civile.


Articolo 6
UTILIZZO DEI LOCALI

1. I nubendi possono addobbare la sala con fiori senza apportare variazioni permanenti alla
disposizione della stessa. A cerimonia conclusa gli addobbi dovranno essere prontamente rimossi.
2. Durante la celebrazione del matrimonio è consentita la presenza di fotografi e musicisti. E' vietato il lancio di riso od altri materiali sia all'interno del Palazzo che nelle aree esterne.
3. I nubendi sono responsabili di eventuali danni arrecati alle strutture o cose che si dovessero
verificare in occasione della cerimonia.
4. Il Comune deve rendere disponibili i locali per la celebrazione dei matrimoni puliti e idonei
all’uso.


Articolo 7
CONTRIBUTO

1. La Giunta Comunale, con propria deliberazione, determina e aggiorna l'importo del contributo
previsto per la celebrazione dei matrimoni, assumendo come parametri di base tutti i costi, diretti e
indiretti, connessi allo svolgimento del servizio, quali spese per il personale, gestionali e servizi
appaltati ( spese pulizia della sala,energia elettrica ecc.).
2. Il contributo va differenziato secondo l'orario di svolgimento del servizio e la residenza dei
nubendi, come segue:
    2.1. Cittadini di cui almeno uno iscritto nell’anagrafe della popolazione residente del Comune di Capoterra:
•    nell’orario di servizio gratuito
•    fuori orario di servizio in giorni feriali: euro 50,00
•    fuori orario di servizio in giorni prefestivi - sabato mattina dalle ore 10,00 alle 12,00: euro 100,00
•    sabato  pomeriggio  dalle ore 17,00 alle 18,00: euro 200,00
    2.2. Cittadini italiani, comunitari e stranieri non iscritti nell’anagrafe della popolazione residente del Comune di Capoterra:
•    durante l'orario di servizio: euro 70,00
•    fuori orario di servizio in giorni feriali: euro 140,00
•    fuori orario di servizio in giorni prefestivi - sabato mattina dalle ore 10,00 alle 12,00: euro 200,00
•    sabato pomeriggio dalle ore 17,00 alle 18,00: euro 250,00


Articolo 8
MODALITÀ DI PAGAMENTO

1. I nubendi dovranno effettuare tassativamente il pagamento,presso la tesoreria comunale, della tariffa entro il 15° giorno antecedente la data del matrimonio e faranno pervenire nello stesso termine all'ufficio di Stato Civile competente copia della ricevuta.
2. Modalità ed estremi per il pagamento sono pubblicate sul sito web del Comune. Non sono  ammesse in ogni caso forme di pagamento diverse da quelle indicate.
3. Qualora i servizi richiesti non venissero prestati per causa imputabile al Comune di Capoterra, si
provvederà alla restituzione totale o parziale delle somme corrisposte. Non vi sarà invece alcun
rimborso in caso di mancata prestazione dei servizi imputabile ai richiedenti.
4. Per l'eventuale rimborso delle somme versate dovrà essere inoltrata istanza all'ufficio di Stato
Civile attraverso il modulo presente nel sito.


Articolo 9
DISPOSIZIONI FINALI

1. Per quanto non espressamente previsto nel presente disciplinare si rinvia alla normativa vigente
in materia e alle norme statutarie e/o regolamentari del Comune.
2. Il presente regolamento viene pubblicato per quindici giorni all’Albo Pretorio del Comune ed entra in vigore contestualmente ll'esecutività della deliberazione della sua approvazione.