Stemma del Comune di Capoterra Comune di Capoterra
pagina Facebook pagina Twitter pagina Youtube pagina Google+
foto02.jpg

Potere sostitutivo in caso di inerzia o ritardo. Soggetto competente

 

(art. 2 commi 8 e 9 della Legge 241/90 novellati dall’art. 1 D.L. 5/2012 – Decreto semplificazioni e sviluppo - convertito con modificazioni in Legge 4 aprile 2012 n. 35)

Potere sostitutivo in caso di inerzia o ritardo del responsabile del procedimento. Individuazione del soggetto competente.

La Legge 7 agosto 1990 n. 241 indicante le norme sul procedimento amministrativo è stata recentemente modificata con l’introduzione di alcune novità in materia di conclusione del procedimento amministrativo volte a rafforzare la tutela del privato contro l’eventuale mancata o tardiva emanazione del provvedimento finale da parte dell’Amministrazione.
In tali ipotesi scattano l’esercizio del potere sostitutivo e il riconoscimento della conseguente responsabilità disciplinare, amministrativa e contabile in capo al soggetto inadempiente.
L’introduzione a regime di un potere sostitutivo attribuisce al privato, prima del ricorso all’eventuale azione giudiziale, un ulteriore strumento esperibile a garanzia della corretta azione amministrativa.
Il disposto normativo prevede una misura di pianificazione organizzativa in base alla quale, nell’ambito delle pubbliche amministrazioni, l’organo di governo deve indicare, tra le figure apicali il soggetto a cui attribuire il potere di iniziativa in caso di inerzia.
Il Segretario generale pro tempore del Comune è il soggetto titolare del potere sostitutivo nei confronti del Funzionario responsabile del servizio che nei termini di legge non abbia concluso il procedimento per inerzia o ritardo dello stesso.
L’esercizio del potere sostitutivo deve comunque essere sollecitato, con richiesta del privato interessato al provvedimento, indirizzata al Segretario generale.
Il Segretario generale, ricevuta la denuncia di omessa chiusura del procedimento, servendosi delle strutture competenti, ha un termine pari alla metà di quello originariamente previsto per l’adozione del provvedimento.

Le istanze vanno inoltrate al Segretario Generale ai seguenti recapiti:
telefono: 0707239232
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.